Requisiti della qualità dell’aria negli ospedali

/Requisiti della qualità dell’aria negli ospedali
Requisiti della qualità dell’aria negli ospedali 2017-03-15T16:56:19+00:00

Il miglioramento della qualità dell’aria nelle strutture sanitarie attuali è una componente essenziale delle procedure di igiene e di controllo delle infezioni aerotrasportate.

E’ inoltre importante in relazione ai requisiti di salute e sicurezza occupazionale nelle delle strutture mediche. Ma il miglioramento della qualità dell’aria non solo aiuta a creare un ambiente più sano e più piacevole per i pazienti, lo staff e i visitatori, è importante anche dal punto di vista economico come misura preventiva di controllo delle infezioni.

Requisiti della qualità dell’aria

I requisiti della qualità dell’aria nelle strutture sanitarie variano da reparto a reparto e spesso anche da stanza a stanza. Alcune zone richiedono una filtrazione ad alta efficienza dei microrganismi aerotrasportati per proteggere i pazienti, gli staff e i visitatori (p. es. sale operatorie, unità di cure intensive, stanze di isolamento per la TBC), mentre altre aree richiedono la filtrazione delle sostanze contaminanti gassose, chimiche e degli odori per offrire un ambiente di lavoro più sicuro e più gradevole (es. laboratori, locali per autopsia, studi dentistici e farmacie).

Controllo dei microrganismi trasportati con l’aria (controllo delle infezioni aerotrasportate)

Il controllo dei microrganismi aerotrasportati (p.es. batteri, virus, spore di funghi) è di importanza cruciale nelle strutture mediche a causa del fatto che molte malattie e infezioni sono causate da patogeni trasportati con l’aria e vengono trasmesse attraverso quest’ultima.

Infezioni contratte in ospedale

Sono trattate con particolare attenzione le infezioni nosocomiali (contratte in ospedale), come MRSA e aspergillosi, in quanto possono avere serie conseguenze in termini di aumento della mortalità e della morbilità, di ricovero prolungato e costi aggiuntivi. In particolare sono a rischio i pazienti immunodepressi (come i trapiantati con organi o midollo osseo, i pazienti oncologici ed ematologici), in quanto il loro sistema immunitario è più vulnerabile ai patogeni infettivi come l’aspergillus.

Controllo dei composti chimici e degli odori

  • mediante filtrazione dell’aria ambiente
  • mediante creazione di pressioni d’aria diverse
    Contenimento dei composti chimici e degli odori sgradevoli (aree a pressione negativa)
  • mediante aspirazione alla fonte
    Filtrazione dei composti chimici e degli odori sgradevoli alla fonte

Applicazioni sanitarie dei depuratori IQAir

Grazie alla loro natura decentralizzata, al design modulare brevettato e all’adattabilità unica nel suo genere, i depuratori IQAir coprono un ampio spettro di applicazioni nelle strutture sanitarie.

  • Anticamere di locali critici
  • Unità di trapianto di midollo osseo
  • Reparto ustionati
  • Sale computer e archivio dati
  • Reparti di cure critiche
  • Studi dentistici
  • Pronto soccorso
  • Ventilazione di aria fresca filtrata
  • Controllo generale dell’inquinamento
  • Unità geriatriche e per anziani
  • Ematologia
  • Unità Cure Intensive
  • Laboratori FIVET e strutture per la fecondazione assistita
  • Controllo di fumi e odori da interventi di chirurgia laser
  • Laboratori di microbiologia
  • Unità di cura intensiva per neonati
  • Aree per pazienti sensibili agli odori
  • Unità oncologiche
  • Sale operatorie
  • Unità di trapianto organi
  • Reparti patologia
  • Camere di isolamento pediatriche
  • Farmacie
  • Aree per pazienti con sensibilizzazioni respiratorie e ambienti polverosi
  • Locali fumatori
  • Reparti di isolamento TBC e anticamere
  • Servizi igienici

Tecnica di ingegneria avanzata

I depuratori IQAir possono essere usati in modi diversi per offrire la soluzione di depurazione dell’aria più adatta alle applicazioni specifiche:

Filtrazione mediante ricircolo

Aspirazione ripetuta dell’aria ambiente attraverso un depuratore IQAir a pavimento o montato a parete, rimovendo i microrganismi aerodispersi ad ogni passaggio dell’aria attraverso i filtri.

Creazione di pressioni diverse

La strategia del ricircolo dell’aria ambiente attraverso un filtro ad alte prestazioni può essere ulteriormente migliorata creando e mantenendo pressioni differenti fra gli spazi adiacenti e la stanza del paziente, evitando che il flusso d’aria proveniente da uno spazio contaminato arrivi ad uno spazio non contaminato. Con l’aiuto di speciali adattatori per le condutture, (InFlow, OutFlow) qualsiasi depuratore d’aria IQAir può essere trasformato per creare ambienti a pressione positiva o negativa. Come risultato, un locale può essere pressurizzato o depressurizzato in pochi minuti, contribuendo a controllare la diffusione dei patogeni aerotrasportati.

  • Isolamento (di protezione) mediante pressione positiva

    I pazienti immunodepressi devono essere alloggiati in una stanza con pressione dell’aria più alta (ossia positiva) di quella delle stanze adiacenti, limitando il flusso dell’aria contaminata nella stanza dei pazienti.

  • Isolamento (contenimento) mediante pressione negativa

    Al contrario, quando un paziente è affetto da una malattia contagiosa che può essere trasmessa attraverso l’aria, come la tubercolosi, è necessario adottare la pressione negativa per impedire che i contaminanti si diffondano oltre la stanza di degenza del paziente.

Aspirazione alla fonte

Lo scopo dei dispositivi di aspirazione alla fonte IQAir (FlexVac e VM FlexVac) è quello di catturare i contaminanti al punto d’origine, ossia filtrando le sostanze inquinanti prima che si disperdano nell’aria dell’ambiente.

Depuratori IQAir raccomandati

Per il controllo delle infezioni il CDC (Centro di controllo e prevenzione delle malattie) raccomanda di usare esclusivamente filtri HEPA che hanno “un’efficacia minima dimostrata e documentata di rimozione del 99.97% di particelle di diametro ≥ a 3 µm”.

Applicazioni

  • Studi dentistici
  • Ospedali
  • Controllo di gas e odori